SACRAMUNDI Durello Metodo Classico

condividi questo articolo su:

Che bella etichetta di un bel colore così accattivante, quella giusta per catturare i giovani. Ma sarà buono anche il vino?

Così inizia la mia conoscenza con Sacramundi. E quale migliore occasione, per degustare i durelli se non alla manifestazione Durello & Friends, dove ho potuto mettere a confronto tutti i Durelli della zona tra Vicenza e Verona, più precisamente i monti Lessini.

L’azienda agricola Sacramundi si trova in centro a Chiampo in provincia di Vicenza, anche se nel prossimo futuro è previsto il trasloco in una nuova struttura tra i vigneti dell’omonima cantina.

Sacramundi produce prevalentemente spumanti  metodo classico di durella. Al momento gli ettari vitati sono 12, mentre le bottiglie sono circa 20/25 mila.

E’ una nuova realtà che si sta inserendo nel territorio da 7/8 anni.

Parliamo di durella: si tratta di un vitigno autoctono del territorio dei monti Lessini, in Veneto, a nord tra le province di Vicenza e di Verona.

Intanto chiariamo un concetto: il vitigno è durellA, il vino è durellO. Questo tipo di uva si riconosce subito per la buccia molto dura (ecco perché durella!) e ha una acidità molto alta. L’acidità è ciò che lo rende un vino adatto alla spumantizzazione.

Sacramundi vinifica (ad oggi) solo in acciaio. Produce anche un durello fermo e un passito. Ma per il momento mi vorrei concentrare sulle 4 tipologie di Metodo Classico.

METODO CLASSICO RISERVA 48 MESI extra brut (anche se in etichetta riporta ancora 36 mesi)

100% Durella – sboccatura 2021

Residuo zuccherino 7 gr/l , e per fortuna…altrimenti davvero l’acidità sarebbe difficile da gestire.

Colore giallo paglierino con riflessi dorati, perlage con bollicine fini,  numerose e abbastanza persistenti.

Al naso profuma di fiori bianchi e poi di frutta a polpa bianca, le gocce d’oro, le susine. Poi delle note vegetali, un leggero peperone. Infine lo zolfo tipico dei terreni della zona vulcanica dei monti Lessini.

In bocca è secco, è molto fresco e sapido.

Per questa spiccata acidità, lo trovo un bel vino gastronomico. Da abbinare ad antipasti o primi piatti a base di pesce.

Nelle prossime “puntate” non perdete la descrizione degli altri tre vini di Sacramundi:

  • LOVARA – Brut 36 MESI
  • MERUM 60 mesi
  • DURE’  Rosato

Cin Cin!!

Ti è piaciuto questo articolo?
Condividilo su :

Autore

Elena Pianezzola

Blogger e appassionata del mondo del vino da oltre 10 anni e Sommelier AIS.

Articolo precedente
Opificio del Pinot Nero – Marco Buvoli
Articolo successivo
ECELO I – Ca’ da Roman
TAG :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

leggi anche…

Menu