Champagne Jacques Rousseaux – Verzenay

condividi questo articolo su:

Champagne Jacques Rousseaux è un piccolo vigneron di Verzenay, nel cuore della Montagne de Reims.

Mi accorgo solo ora di non aver ancora scritto un articolo per chi ormai è diventata una cara amica, Céline. 

Jacques era il nonno di Céline, è  lei che con i genitori oggi gestisce l’attività. Dagli archivi storici, l’azienda risale al 1776, quando viene citato Francois Rousseaux. Inizialmente i piccoli produttori coltivavamo le vigne e vendevano il loro raccolto alle grandi maisons. Paul Rousseaux (nato nel 1884) insieme ad altri piccoli vignerons seguirono l’ambizioso progetto di produrre e commercializzare il proprio champagne.

Sono 8 gli ettari coltivati, in prevalenza di pinot noir e una parte di chardonnay (circa 20%). I vigneti sono situati in uno scenario splendido, nella montagne de Reims, tra il famoso “Moulin de Verzenay” e il Faro.

Gli champagne più richiesti sono:

  • la cuvée Mongolfiere (50% PN e 50%CH) per la sua facilità di beva;
  • Cuvée Tradition (80% pinot noir e 20% chardonnay) ;
  • Cuvée de Réserve (70% PN e 30% CH);
  • L’Autre R – extra brut 100% Pinot noir;
  • Noir de Vigne – Extra brut 100% pinot noir;
  • Rosé de Saignée – extra brut 100% pinot noir .

andate a scoprire l’azienda , ecco il link:

https://www.champagne-jacquesrousseaux.com/

La mia bottiglia preferita è il Rosé de Saignée, 100% pinot noir che rimane solo qualche ora sulle bucce per donare a questo champagne un colore rosato intenso, color salmone selvatico, mantenendo una bella lucentezza.

Perlage fine e persistente, al naso sento un goloso profumo di fragoline di bosco, lampone, ma anche note agrumate di pompelmo rosa.

Il dosaggio è di 3,5 gr/l, supportato da una bella acidità. Vino con una struttura importante grazie alla breve macerazione sulle bucce del pinot noir e grazie al territorio, ricco di gesso (la crai).

Lo bevo volentieri per l’aperitivo, ma è un’ottima bottiglia adatta a tutto pasto. Anche la pizza…. soprattutto la pizza!!!

Grazie a Céline per la sua accoglienza e per le memorabili cene in vigna!

Cin Cin!!

Ti è piaciuto questo articolo?
Condividilo su :

Autore

Elena Pianezzola

Blogger e appassionata del mondo del vino da oltre 10 anni e Sommelier AIS.

Articolo precedente
La Maison Penet – Terroir & Sens Rosé
Articolo successivo
Dosaggio Zero – la mia interpretazione
TAG :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

leggi anche…

Menu