FERRARI Perlé Rosé 2014 – Trento Doc

condividi questo articolo su:

Sarà forse un caso, ma mi sono accorta, che da quando ho iniziato a scrivere questo blog – Acino Rosa, la mia mente mi porta ripetutamente ad aprire bottiglie ROSA.

O forse sarà la primavera, il mese di maggio, mese della fioritura delle rose!

Oggi ho degustato uno spumante importante: Ferrari Perlé Rosé – Millesimato 2014

L’azienda Ferrari non ha certo bisogno di tante presentazioni. In Italia è l’azienda più conosciuta e prestigiosa nella produzione di spumanti metodo classico. Non ho la presunzione di raccontarvi tutto su questo colosso.

L’unica cosa che mi sento di consigliarvi è una visita in cantina. Le cantine Ferrari, di proprietà della famiglia Lunelli, si trovano appena fuori dalla città di Trento.

Personalmente ci sono stata a luglio del 2020. Dopo aver visitato la tenuta di Castelbuono a Bevagna (PG) in Umbria, detta Tenuta Il Carapace (ma solo questa meriterebbe un libro intero!), mi era rimasta la curiosità di visitare l’azienda “madre” della Famiglia Lunelli. Ho prenotato per tempo e ho ricevuto una bella accoglienza. La visita dura circa un ora e mezza ed a seguire è possibile fare una degustazione a scelta, tra diverse proposte. Ciò che colpisce è la grandezza di questa azienda, la quantità di bottiglie accatastate; mi ha colpito il piccolo museo con gli attrezzi antichi e “il caveaux” che custodisce le migliori annate di questo strepitoso spumante.

Mi limiterò quindi a descrivervi ciò che ho nel calice:

Spumante Metodo Classico, prodotto con 80% di Pinot nero e 20% di Chardonnay.

I vigneti, di proprietà della famiglia Lunelli si trovano alle pendici dei monti del Trentino a 300-600 metri ed esposti a sud-est e sud.

La vendemmia viene effettuata manualmente a metà settembre.

Dopo il tiraggio, il vino rimane per almeno 50 mesi sui lieviti.

All’esame visivo, il colore è un rosa tenue, come la buccia di cipolla. Le bollicine sono numerose, fini e persistenti.

Al naso, non è un vino semplice e occorre lasciargli un po’ di tempo! Si esprime inizialmente con sentori di lievito e note burrose. Poi emergono le notate fruttate di fragola e lampone. Quando sale la temperatura, il vino sprigiona profumi con note affumicate. Il bouquet è intenso e complesso.

In bocca è secco, fresco e sapido, con un finale molto lungo.

Lo vedo benissimo in abbinamento con il salmone affumicato e tutti i piatti a base di salmone e pesce in generale.

Il Ferrari Perlé Rosé è un vino ambizioso, personalmente credo che si esprima al massimo in abbinamento con il cibo.

Nella foto: bicchiere Lehmann, Lallement n.4 soffiato a bocca.

Ti è piaciuto questo articolo?
Condividilo su :

Autore

Elena Pianezzola

Blogger e appassionata del mondo del vino da oltre 10 anni e Sommelier AIS.

Articolo precedente
Visita alla cantina QUOTA 101
Articolo successivo
Le Prudenze – Valtellina Superiore di Alberto Marsetti
TAG :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

leggi anche…

Menu